La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

Al centro la promozione e lo sviluppo dei beni paesaggistici e dei patrimoni culturali, da perseguire attraverso la maggiore divulgazione e la promozione dei cammini

Antonino La Spina e Vincenzo Torti firmano l'intesa Unipli - Cai

Pro Loco d’Italia e Club Alpino Italiano a braccetto per valorizzare i cammini storici, religiosi ed escursionistici. È il punto focale dell’intesa fra le due associazioni siglata martedì 17 ottobre nella sede dell’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia (Unpli), a Roma; l’accordo è stato sottoscritto dal presidente dell'Unpli, Antonino La Spina, e dal presidente generale del Cai, Vincenzo Torti. Al centro la proficua collaborazione per la promozione e lo sviluppo dei beni paesaggistici e dei patrimoni culturali materiali ed immateriali, da perseguire attraverso la maggiore divulgazione e la promozione dei cammini.

 

In concreto le due associazioni stanno già lavorando alla realizzazione di iniziative congiunte e di progetti ed eventi di comune interesse; Unpli e Cai collaboreranno anche per la valorizzazione dei rifugi montani.

 

A margine della firma del protocollo, il presidente dell'Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia, Antonino La Spina, ha affermato: “L’attenzione e l’interesse per i cammini è in continua crescita; sono esperienze che consentono di apprezzare l’immenso patrimonio che ha da offrire ogni singolo centro”. La Spina ha proseguito sottolineando che “il turismo lento dei cammini fa bene ai territori, ne esalta le peculiarità e genera anche un significativo indotto. L’accordo siglato con una associazione del calibro del Cai porterà ad importanti risultati”.

 

"Sentieri e cammini sono le pagine con cui leggere il territorio, la sua storia, la sua cultura – ricorda il presidente generale del Cai, Vincenzo Torti – ed è per questo che l’accordo odierno, affiancando le potenzialità di associazioni che hanno a cuore l’attenzione per il turismo lento ed il rispetto per l’ambiente, rappresenta un punto di arrivo di una valorizzazione condivisa".

 

La capillare diffusione di due delle associazioni più numerose e maggiormente presenti sul territorio italiano, dà ancor più peso all'accordo siglato. Da una parte le Pro Loco d’Italia con oltre 6200 sedi dislocate in ogni angolo della penisola che da tempo ormai si prodigano nella salvaguardia e promozione del patrimonio culturale italiano, immateriale e materiale; missione che ha ottenuto l’apprezzamento dell’Unesco.

Dall’altra le oltre 500 sezioni del Cai (più 300 sottosezioni, 19 raggruppamenti regionali e 2 provinciali) che promuovono l’alpinismo, la difesa dell’ambiente naturale, la conoscenza e lo studio delle montagne.

 

L’Unpli è anche promotrice della staffetta “Da Francesco a Francesco” che in 18 tappe collega Roma ad Assisi, ripercorrendo il cammino ed alcuni dei luoghi vissuti dal patrono d’Italia; nei giorni scorsi si è conclusa la quarta edizione con l’arrivo dei camminatori ad Assisi il 4 ottobre, in occasione dei festeggiamenti per San Francesco.

Il Cai, proprio di recente, ha inaugurato a Canossa il cammino storico della Via Matildica del Volto Santo, a conferma della comune ispirazione.